Home

Ora lege et labora
_______________
  La nostra storia
_______________
  Liturgia
_______________
  Il nostro lavoro
_______________
  Vieni e vedi
_______________
  Avvenimenti e notizie
_______________
  Accoglienza
_______________
  Dall'Angola
_______________
  Dalla Siria
_______________
  Da Cortona: il Patto



  torna indietro

 


 
Dall'Ordine e dalla Regione


VALSERENA
2009-2010

 

Incontri musicali nella nostra Chiesa

 

 

"Sono convinto che la musica sia veramente il linguaggio universale della bellezza, capace di unire tra loro gli uomini di buona volontà su tutta la terra e di portarli ad alzare lo sguardo verso l'Alto ed ad aprirsi al Bene e al bello assoluti, che hanno la loro ultima sorgente in Dio stesso. "

Benedetto XVI

Sabato 17 aprile 2010, in ricordo della Beata Gabriella, ha avuto luogo nella nostra chiesa un concerto con brani di organo e arpa. La maestra Cristina Antonini, amica della comunità da tantissimi anni, organista, pianista e compositrice, ci ha intrattenute con la magistrale esecuzione sia di musiche di Pasquini, Aranujo e Litz che di brani da lei composti. All'arpa invece la professoressa Marinella Russo, arpista, concertista e insegnante, ci ha fatto ascoltare brani di Prat, Gustavson e Andresse.

 


Cristina Antonini


Marinella Russo

Sabato 19 giugno per fare memoria dei santi cistercensi la cui festa ricorre in questo mese, la professoressa Marinella Russo ci ha intrattenute nuovamente con la sua magnifica Arpa. brani musicali di alta qualità intercalati con lettura di brani da un poema attribuito a S.Bernardo.... continua


Marinella Russo

 

_____________________

Due vestizioni

L'abito monastico, segno della consacrazione e dell'appartenenza a Dio, è consegnato durante una piccola cerimonia che segna l'inizio del noviziato.

 

8 dicembre 2009

vestizione di Claudia

Cinti dunque i fianchi con la fede e il compimento delle buone opere, inoltriamoci per le sue vie, sotto la giuda del Vangelo, per essere resi degni di vedere Colui che ci ha chiamati al suo Regno. (Regola)

 

30 maggio 2010

vestizione di Maria Benedetta

così nella loro vita monastica non si comportano secondo il proprio arbitrio, nè obbediscono ai propri desideri e capricci, ma camminano secondo il giudizio e il comando altrui e desiderano essere governati dall'abate (Regola)

_____________________

 

7 ottobre 2009

Professione semplice di sr. Benedetta

Il 7 ottobre al monastero di Valserena si è svolta  una piccola cerimonia, piccola ma grande sotto lo sguardo della Vergine del Rosario: la professione semplice di sr. Benedetta (Lucia) Pennacchi:

 

Molti i sacerdoti concelebranti a un anno alla celebrazione del 50 di Messa di Don Carino Guidi, poco prima del suo passaggio all’eternità, e nel 10 anno della morte di Padre Lamberto Shmoutz, cappellano di Valserena per 17 anni; in questo 7 ottobre presiedeva l’eucarestia il nuovo aiuto cappellano di Valserena Don Guillaume Jedrzejczak abate emerito di Mont des Cats,  poi in ordine da sinistra a destra: Mons. Piero Burlacchini parroco di Guardistallo, un sacerdote amico dell’eremo di Minucciano,  Don Giuliano Giovannini, parroco di Bibbona,  don Romano, di Bologna,  Padre Lorenzo dell’eremo di Minucciano  e padre Ansgario Christensen, cappellano

 

Lettura di un brano della Regola: “ Come c'è un cattivo zelo, pieno di amarezza, che separa da Dio e porta all'inferno,  così ce n'è uno buono, che allontana dal peccato e conduce a Dio e alla vita eterna.   Ed è proprio in quest'ultimo che i monaci devono esercitarsi con la più ardente carità  e cioè: si prevengano l'un l'altro nel rendersi onore;  sopportino con grandissima pazienza le rispettive miserie fisiche e morali;  gareggino nell'obbedirsi scambievolmente;   nessuno cerchi il proprio vantaggio, ma piuttosto ciò che giudica utile per gli altri;  si portino a vicenda un amore fraterno e scevro da ogni egoismo;  temano filialmente Dio;  amino il loro abate con sincera e umile carità;  non antepongano assolutamente nulla a Cristo, che ci conduca tutti insieme alla vita eterna.

 

La neoprofessa riceve la cintura e  lo scapolare segno della professione e dell’appartenenza all’Ordine

 

Con le sorelle del noviziato

 


 
Buon cammino!!!!

_____________________

 

4 ottobre 2009

Professione solenne di suor Paola Maria

Il 4 ottobre si è svolta la celebrazione della professione solenne di sr. Paola Maria. La liturgia della Messa aveva una liturgia della Parola propria ( 1 Re 19, 4-9;11-15Sl 118, 169-176; 1 Pt 3-9.14-16.22, Mt 11, 25-30), al termine della quale ha avuto luogo il vero atto di consacrazione in tre tempi: petizione, impegno orale sotto forma di domande e risposte, impegno scritto, firmato e deposto sull’altare,  e infine solenne preghiera di consacrazione. Durante questa il sacerdote celebrante ha imposto le mani sulla professa prostrata invocando il dono trasformante dello Spirito Santo.

Alcuni momenti della celebrazione:

 
la processione di ingresso

Il celebrante principale è dom Giacomo Brière, Abate delle Tre Fontane, seguono Dom Guillaume Jedrzejczak , abate emerito di Mont des Cats, Padre Ansgario Christensen, monaco di Tre Fontane e cappellano, e don Pinuccio Mazzucchelli della diocesi di Milano.


la professa in ginocchio durante
il canto delle Litanie.

La prostrazione durante la solenne preghiera di consacrazione.

 

La firma della cedola che viene deposta sull’altare quale segno della sua incorporazione al sacrificio pasquale di Cristo.

Rivestita della cocolla e del velo nero delle monache professe.

La neoprofessa riceve al termine della Messa  una particolare benedizione.

 

 

 

Ciao !

 

2008 - CELEBRAZIONE DEL 40° ANNO
DALLA FONDAZIONE DI VALSERENA (1968)

torna indietro  


 
ora lege et labora . la nostra storia . liturgia . il nostro lavoro . vieni e vedi . avvenimenti e notizie . accoglienza
Ass. N.S. della Pace . Fondazione Monasteri . dall'Angola . dalla Siria . da Cortona: il patto . Tutela della Privacy e Cookie
HOME