Le foto dei lavori

 

entra

 


Come contribuire alla costruzione del
Monastero

entra



<<<<<<<
 

 

La costruzione del monastero

Come oasi spirituale, un monastero indica al mondo di oggi la cosa più importante, anzi, alla fine l’unica cosa decisiva: esiste un’ultima ragione per cui vale la pena vivere, cioè Dio e il suo amore imperscrutabile”

Benedetto XVI

Come nella nostra Europa medievale, così in queste terre bruciate dalle guerre e dagli sfruttamenti, il Monastero per la sua struttura, la sua esperienza, le sue relazioni europee, necessarie a procurare beni introvabili in Angola, diventa baluardo di questo popolo, può garantire una vita rigogliosa e duratura. Ma ancora di più il Monastero, può assicurare quel pane di cui non dispongono le Organizzazioni per l’assistenza: il pane che nutre lo spirito, perché l’uomo possa vivere, crescere e rafforzarsi, divenire autonomo e procurarsi da sé il proprio cibo. Oggi in Angola è necessario più che mai ricostruire l’uomo, ridargli speranza, aiutarlo a ritrovare la via e il senso vero della vita.
La comunità d’altra parte, provata da 27 anni di condivisione con i poveri, peregrinazioni e avventure, ha ormai l’improrogabile necessità di costruire un monastero: un porto sicuro per le sorelle anziane e per le giovani che desiderano entrare e ricevere una vera formazione monastica, una Casa di preghiera e di speranza, un baluardo per i popoli della montagna.

 

torna indietro

 
ora lege et labora . la nostra storia . liturgia . il nostro lavoro . vieni e vedi . avvenimenti e notizie . accoglienza
Ass. N.S. della Pace . Fondazione Monasteri . dall'Angola . dalla Siria . da Cortona: il patto . Tutela della Privacy e Cookie
HOME